I principali errori del curriculum in inglese.

Ormai è cruciale avere a disposizione un curriculum vitae (CV) anche in lingua inglese se si vuole essere pronti a cogliere tutte le opportunità che il mondo del lavoro globalizzato offre. Ma quali sono i principali errori che noi italiani commettiamo quando prepariamo la nostra versione inglese del CV?

(1) Tradurre dall’italiano all’inglese parola per parola

Una buona traduzione non è mai letterale e purtroppo noi italiani ci approcciamo inizialmente all’inglese così. Bisogna sempre stare attenti a usare le forme grammaticali e logiche previste dall’inglese prestando attenzione all’ortografia e alla grammatica, dimostrando una padronanza del linguaggio professionale che possa spingere il nostro datore di lavoro ad assumerci.

(2) Usare il formato europeo per il CV

Non siamo sicuri si possa rivelare una buona idea ormai neppure con le aziende italiane, ma sicuramente non lo è all’estero. Tanto sponsorizzato qualche anno fa non sembra essere molto apprezzato dai responsabili per la ricerca personale che lo trovano limitativo e troppo schematico. Dei formati più fluidi e che facciano risaltare la personalità del candidato e la sua capacità e gusto nella scelta di cosa mettere in evidenza  e cosa no, ci fanno sicuramente risaltare di più all’estero.

(3) Mettere la foto nel CV

A meno che non stiate inviando il vostro CV per fare il modello/modella o l’attore/attrice nei paesi anglosassoni non si utilizza la foto allegato al curriculum. Perciò se l’avete già inserita, toglietela, e se proprio ci tenete ad allegarla fate si che sia professionale e quantomeno attinente al lavoro che state cercando. Niente foto al mare a meno che non si stia cercando posto da bagnini insomma!

(4) Scrivere il CV come una lista della spesa

Il curriculum è la vostra vetrina personale, il vostro primo contatto con chi potenzialmente vi offrirà un contratto di lavoro: non deve essere una lista della spesa di esperienze formative e professionali anche poco rilevanti. Dovete trovare il modo di far risaltare le vostre capacità ed evidenziare quanto del vostro profilo sia più utile all’azienda che state interpellando. Ogni vostra esperienza in un elenco è grigia e vuota di significato, ma se la arricchite di rilevanza per il vostro profilo professionale, prende colore.

(5) Non pensare all’interlocutore mentre si scrive il CV

Non è solo la lettera di presentazione, o cover letter, che va modificata per ogni interlocutore, ma anche il curriculum. Certo non vi stiamo chiedendo di falsificare le vostre esperienze lavorative o formative, ma semplicemente di scegliere cosa mettere in evidenza e cosa no a seconda del lavoro che si sceglie. Se punto ad un lavoro in banca mi dilungherò sicuramente di più sulla descrizione delle mie esperienze nella facoltà di Economia e come contabile in una PMI piuttosto che evidenziare le mie capacità da barman acrobatico.

La strada per avere il curriculum perfetto in inglese non è sicuramente semplice e senza ostacoli, sedetevi davanti a un computer e iniziate a scrivere: non abbiate paura di farvi aiutare!



2 pensieri riguardo “I principali errori del curriculum in inglese.

I commenti sono chiusi